giovedì 2 aprile 2015

Come usare Instagram e Pinterest in modo professionale

Il visual marketing è ormai un trend affermato e oggi le aziende e le attività commerciali devono tenere conto di questa forma di comunicazione. Per questo è importante capire come usare Instagram e Pinterest in modo professionale.

come usare Instagram e Pinterest
Instagram e Pinterest sono due canali social sempre più utili per il marketing aziendale.


Instagram e Pinterest sono due canali social che, come tutti gli altri, possono essere utilizzati sia dai privati, che dalle attività commerciali e dalle aziende. Anzi, sono proprio le imprese che dovrebbero trattarli con riguardo, perché il visual marketing, ovvero il marketing basato sulle immagini, è in crescita dal 2013. Puntare sulle foto infatti è una strategia di comunicazione molto utile, perché queste hanno un elevato potere evocativo, sono capaci di suscitare emozioni e sono facilmente comprensibili a tutti in tutto il mondo. Il visual social media marketing è molto utilizzato dalle aziende per la sua semplicità nel promuovere eventi, prodotti e nel fare brand storytelling, ovvero il racconto del proprio brand. Un'azienda, ma anche una piccola attività che voglia essere all'avanguardia nel campo del marketing, non dovrebbe assolutamente farsi sfuggire l'opportunità di essere presente su questi social. Ma poiché l'uso professionale è diverso da quello privato, è utile capire come usare Instagram e Pinterest in modo corretto.

Consigli su come si usa Instagram

Instagram nasce come app per smartphone e anche se esiste la sua versione web, è bene sapere che questa ha funzionalità limitate. Il motivo è semplice. Instagram infatti è un visual social basato sull'istantaneità del momento, su un flusso dinamico di immagini. Per questo motivo è stato pensato come app per smartphone, perché attraverso il dispositivo mobile è possibile cogliere il momento, cosa ovviamente non facile da fare con il pc. Instagram conta oltre 150 milioni di utenti attivi al mese, molti dei quali sono giovani, che si stanno spostando sempre più da Facebook verso questo social, proprio per la facilità di comunicare tramite le immagini. Se pensate che per la vostra impresa sia utile essere su Instagram, troverete qui di seguito alcuni consigli.

  • Siate simpatici e creativi. La regola d'oro che vale per tutti i social, è che Instagram va utilizzato per mostrare il lato umano e meno serioso dell'azienda, mentre non è assolutamente un catalogo dove mettere in mostra i vostri prodotti.
  • Carpe diem. Instagram è il social della dinamicità e dell'istantaneità e tramite le vostre foto dovrete far capire agli utenti che state “cogliendo l'attimo”. Attenzione però, anche se l'immagine deve sembrare dinamica, questo non vuol dire che voi non dobbiate pianificare la sua realizzazione attentamente.

Nike Instagram
Le foto migliori su Instagram sono quelle che trasmettono l'idea dell'istantaneità.


  • Taggate, ma non troppo. Su Instagram non si possono mandare messaggi diretti, ma è possibile mettere fino ad un massimo di 30 hashtag per immagine. Cercate di utilizzare parole chiave il più possibile specifiche, ma tenete anche a mente che più hashtag mettete in un'immagine, più Like vi occorreranno per renderla “popolare”, quindi visibile a tutti.
  • Pianificate una linea editoriale. Un buon lavoro di visual social media marketing prevede un'attenta progettazione. Dovete avere chiaro in mente che storia relativa alla vostra azienda o alla vostra attività volete raccontare tramite le vostre immagini e quali valori volete trasmettere. Ricordatevi anche che le foto vanno pubblicate con scadenza frequente e regolare.
  • Occhio al tempo. Non è ancora noto l'algoritmo che usa Instagram per premiare le foto più popolari, ma quello che sappiamo è che lo diventano quelle che raggiungono il maggior numero di Like nel minor lasso di tempo possibile.
  • Curate il vostro profilo. Avete 150 caratteri a disposizione per descrivervi e spiegare di cosa si occupa la vostra azienda in maniera chiara ed efficace. Scegliete un username uguale o simile a quello che utilizzate sugli altri social e mettete come foto profilo il logo aziendale. Tutto questo contribuirà a rendervi credibili e professionali.
  • Da tenere a mente. Su Instagram è presente anche la pubblicità, ma al momento questa funzione è disponibile solo per alcune aziende, quindi dovete pazientare ancora un po'. Il social mostra agli utenti le immagini e i video di loro gradimento in base agli interessi che questi esprimono su Instagram stesso e su Facebook.

Potrà piacere o meno, ma in questo ambito Nike insegna, quindi vi consiglio di guardare il suo profilo Instagram per avere un buon modello di riferimento.

Consigli su come si usa Pinterest

Pinterest è un canale social fondato nel 2010 e si caratterizza per essere una bacheca digitale per la condivisione di immagini e video di interesse. Il concetto di fondo è molto diverso da quello di Instagram: se questo infatti si basa sull'istantaneità e la dinamicità, Pinterest non è un flusso di immagini ma funziona più come una raccolta. Per questo motivo i contenuti che vengono pubblicati sono solitamente molto curati, cosa che piace molto a Google che premia sempre di più la qualità. Pinterest ha un target più adulto e specializzato rispetto a quello di Instagram ed è un canale a cui le aziende dovrebbero dare un occhio di riguardo. Il 43% degli utenti afferma infatti di usare Pinterest per connettersi con i rivenditori e le aziende più amate, mentre il 69% di chi ha visto un prodotto su un profilo aziendale afferma di averlo poi comprato o di volerlo fare. Ecco anche qui alcuni utili suggerimenti per avere un buon profilo aziendale.

  • Progettate la vostra linea editoriale. Anche per questo social, niente può essere lasciato al caso. Pubblicate contenuti di qualità e in modo regolare, anche se potete essere meno assidui rispetto agli altri social. Pinterest vi permette infatti di fare content curation, che viene molto apprezzata dai motori di ricerca.
  • Curate il vostro profilo. Su Pinterest potete creare tante bacheche (board) quante categorie volete inserire. Anche in questo caso non usate questo social come catalogo per i vostri prodotti, ma inserite board ad esempio sugli interessi dell'azienda, i vostri valori, le vostre attività, la vostra storia, i vostri dipendenti e così via.

Pinterest
Su Pinterest ogni bacheca corrisponde ad una categoria di contenuto.


  • Inserite contenuti utili. Proprio perché il target di Pinterest è adulto e mediamente specializzato, cercate di inserire contenuti utili per i vostri utenti. Se ad esempio avete un ristorante, potete inserire dei consigli su come preparare alcuni piatti, delle schede sulle proprietà degli alimenti e altre informazioni che possono interessare ai vostri clienti.
  • Siate social. Siete voi i primi che dovete essere attivi su Pinterest, quindi seguite tutti gli utenti attinenti con la vostra attività, interagite con loro, utilizzate i nomi e i tag per creare engagement.
  • Pinnate. Un contenuto pubblicato prende il nome di "pin", mentre un "repin" è quello generato da altri utenti e condiviso. Ricordate che ogni pin è un link verso il proprio sito web e favorisce quindi il posizionamento sui motori di ricerca. Inoltre, ricordatevi di inserire il vostro sito web nella descrizione dei contenuti che pubblicate, insieme alle parole chiave per favorire il posizionamento del pin.
  • Usate i rich pin. Se avete una discreta capacità tecnica, non fatevi mancare i rich pin, ovvero dei pin che permettono di dare agli utenti informazioni più complete e dettagliate sull'argomento pubblicato.
  • Da tenere a mente. Anche Pinterest sta sperimentando la pubblicità attraverso i promoted pin, che però anche in questo caso sono aperti solo ad alcune aziende, quindi per poterli utilizzare occorre attendere che vengano estesi a tutti.

Se volete guardare un profilo molto ben fatto da cui prendere spunto, vi consiglio quello di Patagonia.


Il visual social marketing è un trend in ascesa, perché in un mondo sempre più dinamico, la velocità e il potere evocativo delle immagini permettono di comunicare in modo rapido ed efficace. E voi, siete degli instagramer e/o dei pinner? Avete mai utilizzato questi due canali in modo professionale?




Photocredits: